Alluminio nei Vaccini: Storia e tossicità

Ecco il profilo tossicologico dell’alluminio, predisposto dall’Agenzia per le sostanze tossiche e registro delle malattie, o ATSDR.

Se si dovessero leggere le oltre 300 pagine di questo rapporto, si troverebbero che sono piene di informazioni di ricerche scientifiche che mirano a determinare l’effetto dell’esposizione in alluminio sul corpo – se ingerito, inalato, ecc, – a quale limite di esposizione viene ritenuto sicuro o dannoso, e le ricerche scientifiche che supportano i limiti di sicurezza proposti. Si potrebbe trovare anche che la quantità di alluminio che è consentito in un vaccino è di 0.85mg / dose (o 850 mcg). Tuttavia, manca un dato significativo, quando si tratta di capire il motivo per cui tale valore è stato scelto.

Da dove viene questo numero?

Questa dose è stata scientificamente determinata ad essere la quantità di alluminio più efficace quando viene utilizzato come adiuvante nei vaccini. Questa è la quantità di alluminio che è stata trovata utile per innescare un’ efficace, sostenuta risposta immunitaria all’antigene iniettato. Tale valore non è basato sulla sicurezza. Infatti, nel documento ATSDR ci sono zero riferimenti a qualsivoglia ricerca scientifica pubblicata che stabilisca il motivo per cui il limite 0.85mg sia considerato sicuro. Detto in modo diverso, non v’è alcuna prova scientifica sperimentale di alcun tipo che dimostri che questa quantità di alluminio è sicura da iniettare. Perché?

La storia.

Nel 1975 la Food and Drug Administration (FDA) concesso lo status “GRAS” per undici diversi composti di alluminio, compreso l’idrossido di alluminio e fosfato di alluminio, alluminio due additivi utilizzati come ingredienti nei vaccini attuali. “GRAS” = “Generalmente riconosciuto come sicuro”

Pertanto, dal 1975, l’alluminio è stato considerato “sicuro” da parte della FDA, a causa di un uso storico di alluminio in vari prodotti. Purtroppo, non solo stiamo basandosi su una scienza pre 1975 nel valutare la tossicità dell’alluminio nel corpo, ma stiamo ignorando l’impatto di della tossicità cronica di basse dosi, e oggi siamo bombardati con molto più di alluminio nel nostro ambiente (e vaccini) rispetto al passato. Curiosamente, se si dovesse eseguire una sola ricerca della letteratura scientifica disponibile sul idrossido di alluminio e il fosfato di alluminio prima del 1970 si possono trovare studi come questo dove viene utilizzato produrre epilessia sperimentale e convulsioni nelle scimmie. O questo, in cui si scoperto essere causa di degenerazione delle cellule nervose neurofibrillari (cosa che è tota portare al morbo di Alzheimer). O questo, in cui è stato descritto che c’erano “difficoltà” nelle vaccinazioni di massa nei bambini con vaccini contenenti alluminio, a causa di reazioni febbrili, cisti di alluminio sul sito di iniezione, encefalopatia post-vaccinazione (disfunzione cerebrale, malattie , o disturbi), poliomielite paralizzante dell’arto iniettato, e altri eventi avversi … C’è una quantità infinita di ricerca è la sperimentazione di alluminio per vari scopi, ma si tratta di informazioni reale su quello che potrebbe essere un limite di sicurezza di iniezione, la letteratura è carente.

Determinare un limite di sicurezza.

Nello studio della tossicologia, il metodo per la ricerca di un limite di sicurezza è quello di determinare prima sperimentalmente L’ASSENZA DI EVENTI AVVERSI OSSERVABILI (NOEL in inglese) derivanti da una dose acuta (breve termine / una tantum) e cronica (dosi basse a lungo termine) per una data sostanza. Un composto di alluminio verrebbe somministrato ad un soggetto di prova (ad esempio “topi di laboratorio”), e gli scienziati dovrebbero effettuare una valutazione del rischio sanitario. Dovrebbero essere osservati eventuali effetti rispetto al gruppo di controllo. La dose a questo punto dovrebbe essere ridotta fino a che effetti avversi non vengono più osservati. Utilizzando tale livello di esposizione, un margine di sicurezza verrebbe poi applicato riducendo la dose di un fattore 10, 100 o 1000. Ciò contribuirebbe a tenere conto delle differenze interspecie di cambiamento (da ratti agli esseri umani, per esempio), e fornirebbe anche fornire extra protezione per la maggior parte delle persone sensibili, i neonati e le donne in gravidanza. (Questa è una spiegazione semplificata del processo.). Il limite risultante e l’esposizione ritenuta “sicura” sarebbe molto più piccolo rispetto alla dose più alta in cui non sono stati osservati gli eventi avversi. Quando si tratta di iniettare nel corpo in alluminio, niente di tutto questo è mai stato fatto. Nessuno studio sperimentale è mai stato fatto per determinare un NOAEL (assenza di effetti avversi osservabili), e quindi nessun limite sicuro o livello di dose massima consentita (MADL) è stato chiarito. [chiunque trovi questa ricerca scientifica è pregato di avvisarmi dell’esistenza.] Che evidenze scientifiche abbiamo per applicare un limite ritenuto “sicuro” ? Nel Codice FDA dei Regolamenti Federali per la terapia TPN (Nutrizione Parenterale Totale – alimentazione di una persona per via endovenosa), si afferma:

“i prematuri [neonati] che ricevono livelli parenterale di alluminio superiore a 4-5 [micro] g / kg / die accumulano alluminio a livelli associati a tossicità per il sistema nervoso centrale e le ossa.” E che, “Il carico nei tessuti può verificarsi anche a tassi più bassi di somministrazione.” Sulla base di quanto sopra, si può ritenere che il livello di esposizione di anche solo 5 microgrammi di alluminio (per chilogrammo di peso corporeo al giorno) è una dose che provocherebbe effetti avversi osservabili nei bambini. Questa dose è molto più alta di quello che sarebbe un limite di sicurezza determinato sperimentalmente. Tuttavia, questo è ciò che abbiamo di più vicino a una una dose di riferimento potenzialmente iniettabile sebbene ci si stia avvicinando al livello di “indiscutibilmente troppo”.

Alcuni calcoli:

Il neonato media pesa circa 7.5kg o 3.5kg.

“Limite di sicurezza” = 5 microgrammi / kg / die Moltiplicare il peso del neonato (5 mcg / kg / die) x (3,5 kg) = 17,5 microgrammi / giorno.

Quantità di alluminio nel vaccino contro l’epatite B. Dato il primo giorno di vita = 250 microgrammi. Si dimostra quindi che, la quantità di alluminio in un solo vaccino contro l’epatite B è 14 volte il “limite di sicurezza” per quanto un neonato dovrebbe ricevere in un giorno.

Più calcoli:

In media a 2 mesi pesa circa 5kg.

“Limite di sicurezza” = (5 mcg / kg / die) x (5 kg) = 25 microgrammi / giorno.

Ci sono diversi vaccini somministrati a 2 mesi di età, secondo la pianificazione CDC. Difterite, tetano, pertosse. (DTaP) / Polio (IPV) / Haemophilus b (Hib) / Epatite B / pneumococcico (PCV) / Rotavirus

I vaccini contenenti alluminio che possono essere somministrati ad una seduta a due mesi includono:

Pediarix: DTaP, IPV, HepB (850 mcg) PCV (125mcg) PedvaxHIB (225 mcg) 850 mcg + 125 mcg + 225 mcg = 1200 mcg alluminio.

Il “limite di sicurezza” per due mesi in un solo giorno, è secondo la FDA = 25mcg.

Quantità iniettata tramite i vaccini raccomandati dal CDC = 1200 mcg. Pertanto, la quantità di alluminio che può essere somministrato ad un infante di 2 mesi in un solo giorno, supera il limite di sicurezza stabilito dalla FDA di 48 volte.

Il CDC raccomanda il medesimo programma di vaccinazione a 4 mesi e 6 mesi, aggiungendo un altro vaccino influenzale a 6 mesi.

Anche aggiustando il livello di esposizione a zero microgrammi nei giorni tra una vaccinazione e l’altra (a 2, 4, 6 mesi) il limite di sicurezza cronica o a lungo termine è ancora superato. Con 25 mcg / giorno da 2 mesi di età per 6 mesi di età (120 giorni), il limite di sicurezza di esposizione sarebbe 3000 mcg. (Una seduta vaccinatoria equivale a 1200 mcg)x (3 serie di vaccini, un set per ogni visita) = 3600 mcg. (Tecnicamente, questo paragone non è scientificamente valido a causa del fatto che ogni giorno viene drammaticamente superato limite di sicurezza.)

* Un elenco dei vaccini contenenti alluminio qui si trova alla fine di questo articolo.

Autoimmunità.

Mentre non v’è alcuna ricerca scientifica o dati sperimentali su quale sia veramente un limite di sicurezza di alluminio da iniettare tramite vaccino, ci sono un bel po’ di ricerche sugli effetti negativi sulla salute derivanti dall’iniezione dell’alluminio. Nella letteratura scientifica, adiuvanti di alluminio nei vaccini sono stati collegati allo sviluppo di diverse malattie autoimmuni, come artrite reumatoide, lupus, malattie della tiroide o di tiroidite autoimmune, fibromialgia, stanchezza cronica, sclerosi multipla, miocardite, sindrome da anticorpi antifosfolipidi / trombosi (rischio di coaguli di sangue), la sindrome di Sjögren (secchezza degli occhi, secchezza delle fauci), e altro ancora.

E ben studiato e riconosciuto che i vaccini contenenti alluminio contenenti innescano condizioni come “sindrome autoimmune (auto-infiammatoria) indotta da adiuvanti” (Asia), e “miofascite macrofagica” (MMF), che possono manifestarsi come una qualsiasi delle condizioni autoimmuni di cui sopra o presentarsi come disfunzione cognitiva oltre a infiammazione cronica e in aggiunta a dolore localizzato nei muscoli e nelle articolazioni.

Il Dr. Romain Gherardi, uno specialista di malattie neuromuscolari, ha effettuato ricerche sulla miofascite macrofagica trattandola nella sua clinica ospedaliera in Francia per diversi anni. Le sue scoperte continuano ad essere sostenute attraverso nuove prove e dalla ricerca. Questo è un estratto da uno dei suoi studi, pubblicato nel 2012:

“L’idrossido di alluminio(allume)… è-stato utilizzato nei vaccini come adiuvante per il suo effetto immunologico dal 1927. L’allume è l’adiuvante più comunemente usato nei vaccini umani e veterinari, ma i meccanismi tramite i quali stimola le risposte immunitarie non sono completamente compresi.

Anche se generalmente ben tollerato, allume può occasionalmente cause invalidanti e problemi di salute in persone presumibilmente suscettibili. Una piccola percentuale di persone vaccinate si presenta con un ritardato inizio di mialgia diffusa, stanchezza cronica e disfunzione cognitiva, e mostrano una persistenza a lungo termine dei macrofagi di carichi di alluminio sul sito della precedente immunizzazione intramuscolare (im), formando una lesione granulomatosa chiamata miofascite macrofagica (MMF). I sintomi clinici associati alla MMF sono paradigmatici della recentemente delineata ‘sindrome autoimmune/infiammatoria indotta da adiuvanti (Asia).

La disfunzione cognitiva stereotipata ricorda i deficit cognitivi che descritti fra i lavoratori di fonderia esposti a particelle inalate di Al.

Le preoccupazioni sulla sicurezza dell’alluminio dipendono in gran parte dal fatto se il composto rimane localizzato al sito di iniezione o dal fatto che si diffonda e si accumuli in organi distanti. Gli esperimenti sugli animali indicano la persistenza di nanomateriali biopersistenti captati da cellule di linea monocita nei tessuti , sotto forma di surrogati fluorescenti dell’alluminio, che possono prima prima traslocare verso linfonodi drenanti, e poi circolare nel sangue all’interno fagociti e raggiungere la milza, e, infine, accumularsi lentamente nel cervello “macrofagica myofasciitis”.

Macrophagic myofasciitis: characterization and pathophysiology.

Gherardi RK, et al. Lupus. 2012.

Neurotossicità

Un altro aspetto della tossicità dell’alluminio di alluminio è che può rimanere nel sito di iniezione per diversi anni. Non solo questo può causare persistente prurito e allergia da contatto, ma il cervello può accumulare a poco a poco l’alluminio iniettato. Come risultato di questa biopersistenza di lungo termine, si sono manifestate condizioni autoimmuni e neurologiche anche dopo dieci anni dopo la vaccinazione. È documentato che gli adiuvante di alluminio provochino danni neurologici. Il danno tipicamente differito e cronico.  Ancora una volta a causa della persistenza dell’alluminio nel sito di iniezione. L’alluminio distrugge i neuroni motori nel cervello e provoca lentamente una sempre maggiore di neuroinfiammazione.

In uno studio, i danni assomigliano da vicino a quelli della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA).

Il danno neurologico osservato suggerisce inoltre che gli adiuvanti di alluminio possono svolgere un ruolo significativo nel crescente tasso di autismo. Il Dr. Russell Blaylock, un neuroscienziato che ha trascorso anni a studiare la questione, ha effettivamente proposto un meccanismo per lo sviluppo di autismo causato da quella che viene definita immunoexcitotoxicity. (Maggiori informazioni sul collegamento vaccino-autismo qui).

L’alluminio nei vaccini è sicuro?

L’alluminio nei vaccini non è sicuro. Non c’è mai stato un motivo valido per dichiararlo sicuro. Anche a livello di microgrammi iniettati, queste quantità sono dannose e non c’è modo di sapere se voi o il vostro bambino sarà significativamente colpito- settimane, mesi o anche anni più tardi. Con l’aumento della quantità di vaccini contenenti alluminio che ci si aspetta di ricevere, l’incidenza di malattie autoimmuni e neurologiche è in aumento con essi. Sempre più bambini stanno sviluppando condizioni croniche debilitanti. La ricerca scientifica indipendente su autoimmunità e neurotossicità che l’adiuvante all’alluminio sta causando – è “solamente in crescita” – e ci sono sempre meno dubbi sul fatto che i vaccini contenenti alluminio abbiano causato malattia cronica in una porzione significativa della popolazione. E ‘una tragedia che la scienza continui a convalidare il fatto che l’alluminio causi la malattia di Alzheimer, e tuttavia i medici e gli infermieri continuino a sollecitare gli anziani a vaccinarsi ogni anno contro la polmonite con un vaccino adiuvato all’alluminio.

“Ogni giorno ci sono più prove del fatto che questo rapporto è più che casuale.

Negli esseri umani, gli adiuvanti possono indurre manifestazioni cliniche non specifiche, costituzionali, muscolo-scheletriche o neurologiche e in alcuni casi possono portare alla comparsa o a una accelerazione di una malattia autoimmune in un soggetto con suscettibilità genetica.

Adjuvants- and vaccines-induced autoimmunity: animal models.

Ruiz JT, et al. Immunol Res. 2017.

Non esiste così tanta ricerca scientifica sugli effetti negativi per la salute di alluminio. Una piccola quantità di ricerca è evidenziata qui, in relazione agli adiuvanti dei vaccini. Vi incoraggio ad andare a PubMed.gov e cercare letter.

Vi consiglio vivamente la visione del documentario, Injecting Aluminum.

Vaccini contenenti adiuvanti all’alluminio:

Informazioni prese dai foglietti illustrativi

 

Riferimenti bibliografici addizionali

Overview of basic toxicological principles: http://ec.europa.eu/health/ph_projects/2003/action3/docs/2003_3_09_a21_en.pdf

The spectrum of ASIA: ‘Autoimmune (Auto-inflammatory) Syndrome induced by Adjuvants’: http://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/0961203311429316

Clinical features in patients with long-lasting macrophagic myofasciitis.Rigolet M, et al. Front Neurol. 2014. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/25506338/

A role for the body burden of aluminium in vaccine-associated macrophagic myofasciitis and chronic fatigue syndrome.Exley C, et al. Med Hypotheses. 2009. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/19004564/

Atypical presentation of macrophagic myofasciitis 10 years post vaccination.Ryan AM, et al. Neuromuscul Disord. 2006. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/17005400/

[Lessons from macrophagic myofasciitis: towards definition of a vaccine adjuvant-related syndrome].Gherardi RK. Rev Neurol (Paris). 2003. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/12660567/

Macrophagic myofasciitis lesions assess long-term persistence of vaccine-derived aluminium hydroxide in muscle.Gherardi RK, et al. Brain. 2001. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/11522584/

Aluminum adjuvants of vaccines injected into the muscle: Normal fate, pathology and associated disease: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1286011516000254

Severe manifestations of autoimmune syndrome induced by adjuvants (Shoenfeld’s syndrome): https://link.springer.com/article/10.1007/s12026-016-8811-0

Strong evidence linking and Alzheimer’s: https://www.hippocraticpost.com/mental-health/strong-evidence-linking-aluminium-alzheimers

 

Traduzione di Redazione COMILVA. Articolo originale “Aluminium in Vaccines: History and toxicity