AMMISSIONE ALLE COMUNITÀ INFANTILI – DELIBERA 369 REGIONE TOSCANA 22/05/2006

La delibera 369 della Regione Toscana consente l’ammissione alla scuola dell’obbligo ed a tutte le comunità infantili anche in assenza di presentazione di certificato vaccinale. Dal Paragrafo 7: Ammissione in collettività (scuola primaria/secondaria/dell’infanzia, asili nido, soggiorni di vacanza) con il DPR 26 gennaio 1999 n. 355 viene di fatto consentita l’iscrizione alle scuole dell’obbligo anche in assenza di presentazione del certificato di avvenuta vaccinazione o dichiarazione sostitutiva. Il DPR 355/99 prevede inoltre che il Direttore della Scuola o il Capo dell’Istituto comunichi il fatto entro 5 giorni, per gli opportuni e tempestivi interventi, all’Azienda USL di appartenenza dell’alunno ed al Ministero
Leggi tutto

REGIONE TOSCANA. ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 22.05.2006 (PUNTO N. 24 ), DELIBERA N .369 DEL 22.05.2006

Regione Toscana. Approvazione delle “Linee di indirizzo per la gestione dei casi di inadempienza all’obbligo vaccinale”. Anche la Toscana si allinea alle altre regioni italiane che hanno legiferato per regolamentare l’obiezione di coscienza alle vaccinazioni attraverso la procedura di dissenso informato. Questo documento pone chiaramente l’accento sulla ammissibilità alle comunità infantili dei bambini non vaccinati: Preso atto che il DPR 26/1/1999 n. 355 in materia di certificazioni relative alle vaccinazioni obbligatorie consente l’ammissione alla scuola dell’obbligo anche in assenza di presentazione di certificato vaccinale (o dichiarazione sostitutiva) prevedendo debita segnalazione del fatto all’Azienda USL competente per l’adozione degli opportuni e
Leggi tutto

REGIONE TOSCANA, DECISIONE N. 21 DEL 17 MARZO 2005

Iniziativa della regione Toscana che si propone di realizzare una banca dati nazionale contenente le segnalazioni di tutti i danni da vaccino riconosciuti sul territorio nazionale. Più che un’azione concreta e significativa è un gesto simbolico che il consiglio regionale della Toscana ha fatto in direzione dei danneggiati da emotrasfusioni e vaccini, rappresentati per l’occasione dall’associazione AMEV presieduta dall’Avv. Marcello Stanca. Il contributo di 2500 euro all’iniziativa di realizzare una banca dati che raccolga tutti i casi di danno da vaccino riconosciuti sul territorio nazionale rende se non altro evidente la grave mancanza di una tale iniziativa a livello Ministeriale,
Leggi tutto