CODICE ETICO

I VALORI E I PRINCIPI DEL COMILVA

ethicsI valori del COMILVA sono:

La Libertà di Coscienza: nel decidere in piena responsabilità e consapevolezza il proprio stile di vita, la propria alimentazione, la cura del corpo e dello spirito. La libertà di coscienza va esercitata nel pieno rispetto dell’altrui persona e parte dal principio di autodeterminazione al trattamento sanitario.

La Libera e completa Informazione: con riferimento alla Convenzione di Oviedo, “Convenzione per la protezione dei diritti dell’uomo e della dignità dell’essere umano nei confronti delle applicazioni della biologia e della medicina: Convenzione sui diritti dell’uomo e la biomedicina”, adottata a Nizza il 07.12.00 e ratificata dallo Stato italiano con legge 28.03.01, n. 145, un trattamento sanitario può essere praticato solo se la persona interessata abbia prestato il proprio consenso libero e informato. Tale persona riceve preliminarmente informazioni adeguate sulle finalità e sulla natura del trattamento nonché sulle sue conseguenze e i suoi rischi.

La Solidarietà: intesa nella fattispecie come condivisione di interessi ed ideali, giustizia ed equità. Questo valore si esprime nell’azione di difesa del cittadino verso tutte quelle forme di oppressione sociale, psicologica e mediatica esercitate ad ogni livello e con ogni mezzo contro la libertà di coscienza e la libera e completa informazione. Da ciò ne deriva l’impegno per diffondere, condividere questi valori per contribuire a creare condizioni favorevoli ad un innalzamento del livello di benessere sociale e a difendere chi, nella propria posizione di debolezza, è stato colpito nel suo intimo familiare.
Questi valori, insieme alla visione e alla missione del COMILVA costituiscono i presupposti dell’azione del COMILVA nel contesto sociale italiano ed internazionale.

La visione del COMILVA è la realizzazione in Italia della Libertà di Scelta terapeutica, in particolare in ambito vaccinale, quindi l’abolizione degli obblighi di legge in materia, come pure il corretto e completo riconoscimento del danno provocato dalle vaccinazioni in tutte le generazioni sottoposte a questo trattamento farmacologico.

La MISSIONE del COMILVA si esprime attraverso:

Il sostegno degli obiettori di coscienza alle vaccinazioni obbligatorie,
Il contributo alla diffusione e allo sviluppo della libera informazione scientifica in campo vaccinale, terapeutico, sanitario ed ambientale,
Il sostegno ai danneggiati da vaccino attraverso azioni di carattere medico-legali,
Il contributo al cambiamento delle leggi e dei regolamenti vigenti in materia, attraverso la sensibilizzazione dell’ambito socio-politico.
Il direttivo del COMILVA si è fortemente impegnato a mettere in atto azioni responsabili e socialmente rilevanti, creando una strategia di sostenibilità e definendone al contempo gli obiettivi.

Al fine di promuovere gli interessi a lungo termine dei cittadini e dei propri interlocutori, il COMILVA si adopera per ottemperare ai più alti valori sociali, giuridici ed etici nell’ambito della propria azione, come indicato nel presente codice.

CONFORMITÀ CON LA LEGGE

Tutte le azioni condotte dal COMILVA devono essere messe in atto nel rispetto dei diritti inalienabili della persona umana, anche ai sensi dell’Art. 32 della Costituzione Italiana. Il COMILVA opera nel pieno rispetto delle leggi italiane ma ritiene di esercitare l’obiezione di coscienza verso tutte quelle norme che pregiudicano la libertà di scelta personale in campo sanitario, pur osservando i principi di cittadinanza responsabile in tutte le giurisdizioni in cui si svolgono le sue azioni.

APERTURA E TRASPARENZA

Nell’ambito dell’impegno assunto in termini di responsabilità sociale, il COMILVA promuove l’apertura e la trasparenza nonché un dialogo continuo con i propri interlocutori, tra cui si annoverano le Istituzioni Sanitarie, le Istituzioni Scolastiche, le Istituzioni Militari, la Pubblica Amministrazione a tutti i livelli e le cariche istituzionali tutte, i Partiti Politici e le altre Associazioni ed Organizzazioni, I Media, le Categorie Professionali e la Società Civile in generale. I riscontri periodici con tali interlocutori costituiscono un orientamento per rafforzare queste relazioni. Resta inteso, ad ogni modo, che il COMILVA, nel perseguire i suoi obiettivi, potrà interferire con le politiche e le strategie di tali interlocutori, sempre e comunque con il fine di salvaguardare i diritti fondamentali della persona umana.

RISPETTO PER I DIRITTI UMANI

Il COMILVA sostiene e rispetta la protezione dei diritti umani riconosciuti a livello internazionale ai sensi della Dichiarazione sui diritti dell’uomo delle Nazioni Unite. Si adopera per vietare ogni forma di discriminazione basata, ad esempio, sulla razza, sulla nazionalità, sul genere, sulla religione, sull’età e sulle scelte personali in materia sanitaria come pure nello stile di vita, promuove le pari opportunità all’interno dell’Associazione e nell’ambito sociale.

Qualora tali diritti siano messi in discussione o limitati il COMILVA si adopera per la loro tutela.

CONFLITTO DI INTERESSI

Il COMILVA è un’associazione fondata sul volontariato. Il volontariato è l’espressione diretta e viva della società civile; è un movimento partecipativo di cittadini che intervengono, nei loro rispettivi territori, nella costruzione di una società più giusta, che rispetti la dignità e i diritti inviolabili di ogni persona.

Il lavoro volontario si contraddistingue per la sua gratuità e per il fatto che è un servizio rivolto anzitutto ai gruppi più deboli ed esclusi; è un lavoro con un valore aggiunto di carattere relazionale e sociale, necessario per la qualità di vita delle persone e per lo sviluppo della comunità. Si basa sulla centralità della persona nella sua complessità, unicità e diversità.

Esercitare il volontariato nel COMILVA significa facilitare lo sviluppo delle capacità di autodeterminazione d’ogni persona e, nello stesso tempo, sostiene attraverso la propria azione le persone che si trovano in una situazione di difficoltà, di privazione dei propri diritti e che abbiano bisogno d’appoggio ed aiuto.

L’accompagnamento che realizza il volontariato è rispettoso ma non impositivo, vicino ma non possessivo, disponibile per dare sicurezza all’altro senza cercare di configurarlo o manipolarlo.

Il lavoro che svolge il volontariato è volto a capire le necessità delle persone ed a rivendicare i loro diritti. In questo modo, i beneficiari diventano protagonisti della propria storia e possono in tal modo essere portatori di ulteriore solidarietà. Ogni persona che si trova in uno stato temporaneo di difficoltà, oppressione o necessità è portatore di dignità, di capacità, di potenziali risorse che dobbiamo aiutare a manifestarsi, creando delle opportunità adatte perché si possano trasformare da “oggetti d’assistenza” in protagonisti della propria liberazione.

Il COMILVA si aspetta lealtà piena senza alcun conflitto di interesse da parte dei propri soci. Di conseguenza, i soci del COMILVA devono evitare situazioni in cui i propri interessi personali possono essere in conflitto con quelli dell’Associazione o dei propri interlocutori.

ATTUAZIONE

Il presente codice etico ha lo scopo di definire i principi etici cui il COMILVA si attiene nell’ambito di tutte le sue attività. L’Associazione si aspetta che sia i propri dirigenti che i propri soci in genere ottemperino agli standard previsti dal codice. Tale codice delinea a titolo esemplificativo le principali situazioni che potrebbero dar luogo a problemi legali o etici.

Il COMILVA assume un approccio attivo verso l’applicazione del presente codice e ne promuove l’attuazione attraverso una comunicazione effettiva dei propri contenuti ai soci. Il COMILVA al proprio interno monitora l’applicazione del codice.

L’applicazione del codice etico deve essere verificata periodicamente dal Direttivo del COMILVA, che potrà decidere in merito ad eventuali verifiche o interpretazioni.

Rimini, 25/06/2011