Libertà di Scelta: firma la petizione !!!!

Traduzione di Rossana Liberatoscioli

Perchè c’è bisogno di contestare l’obbligatorietà vaccinale in Europa durante il decimo anniversario della Settimana Europea delle Vaccinazioni promossa dall’OMS ?

logo efvvE’ il 10° anniversario della Settimana Europea delle Vaccinazioni promossa dall’ OMS: “ Proteggi. Previeni. Vaccina.” Ma contemporaneamente a questo forte messaggio, è stata lanciata una petizione da un gruppo che rappresenta  20 nazioni europee (la maggior parte dell’UE) che chiede che la politica vaccinale venga armonizzata per supportare la scelta informata e per istituire un migliore sistema di sorveglianza vaccinale. EFVV ha inviato una lettera al Parlamento Europeo, alla Commissione Europea e al Consiglio dell’Unione Europea attraverso Change.org chiedendo “di rispettare, promuovere e proteggere la libertà al consenso vaccinale informato in tutta Europa”.

Il Dott. Kris Glaublomme, Presidente belga di EFVV (European Forum Vaccine Vigilance) dice che è ridicolo che in Belgio sia obbligatorio il vaccino per la polio. “Sì, per la polio! Sapevate  che in Belgio c’é la polio ? I genitori rischiano la prigione se non ottemperano alla legge. Così ho iniziato a supportare i miei pazienti in  battaglie legali che mai sarebbero dovute finire davanti ad una corte.”

“Se le nazioni europee hanno politiche differenti, dov’è la scienza? Chiaramente è sottomessa alle ideologie politiche e a differenti interpretazioni sui dati riguardanti l’efficacia dei vaccini, o addirittura sottomessa alle lobbies commerciali ” suggerisce Anna Watson, co-segretaria dell’EFVV e attivista nel Regno Unito. “le vaccinazioni obbligatorie non sono necessarie per raggiungere i livelli di copertura vaccinale raccomandati dall’OMS, come evidenziato dalle regioni con libertà di scelta come la Scozia dove c’è una copertura vaccinale del 97%.”

“Per quanto possiamo vedere, le vaccinazioni obbligatorie ledono i diritti umani! Pensiamo che non  sia una buona politica per garantire una scelta responsabile: siamo cittadini in paesi democratici, e vogliamo essere trattati come tali!” dice Gabriela Rodriguez Fernandez, avvocato spagnolo. “Nel 2011, la Corte Suprema degli USA ha dichiarato che “i vaccini sono inevitabilmente pericolosi”. I vaccini quindi comportano sconosciuti livelli di rischio quindi dev’essere applicato il  Principio di Precauzione . Ci sono articoli nel Codice Penale Tedesco a supporto di questo”.

“Soltanto perchè nel Regno Unito godi della libertà di scelta non puoi essere soddisfatto ” dichiara Dragana Tomotic, un’attivista in Serbia. “ E’ in atto una preoccupante discussione volta a rendere obbligatori sempre più vaccini, a livello mondiale. Per esempio nella mia nazione  una recente manifestazione non ha sortito effetto alcuno, così permane ancora l’obbligo vaccinale per tutte le vaccinazioni dell’infanzia e i bambini possono essere tolti ai genitori se questi non possono pagare la sanzione equivalente ad un mese di stipendio. Se ritieni importante la libertà e obietti  alla somministrazione obbligatoria di farmaci, allora firma questa petizione, qualsiasi politica abbia la tua nazione.”

Primož Verbič, un attivista in Slovenia, è totalmente d’accordo e aggiunge: “ I vaccini possono causare delle reazioni molto serie e questo è un fatto, che è anche la ragione per cui le vaccinazioni non dovrebbero mai essere obbligatorie come invece lo sono nella mia nazione. I medici sloveni e il nostro Ministero della Salute sistematicamente rifiutano qualsiasi riconoscimeto di  danno da vaccino,  figurarsi un risarcimento, quindi i genitori devono assumersi la responsabilità del rischio per i loro figli senza fornire alcun consenso. Inoltre le vaccinazioni non forniscono una buona protezione contro le malattie infettive. Allora perchè non abbiamo il diritto di prenderci cura dei nostri figli come meglio crediamo?”

Xavier Uriarte, MD, membro spagnolo fondatore di EFVV nel 1999 è certo che “ Per lo meno ci dev’essere un sistema attivo di sorveglianza e di vigilanza ma in molte delle nazioni dell’ UE non esiste”.

Il dott. Françoise Berthoud, autore e pediatra svizzero omeopata in pensione continua: “ Questo è essenziale dato che non sono state fatte ricerche significative che comparino la salute dei vaccinati con quella dei non vaccinati, il che significa che i benefici e i rischi non possono essere valutati appieno. D’altro canto, l’osservazione di decine di migliaia di bambini mostra che i non vaccinati sono più in salute di quelli vaccinati”.

Ludmila Eleková, MD, è preoccupata che rendere obbligatoria l’assunzione di farmaci disturbi il rapporto di fiducia fra molti pazienti e i loro medici. “C’è un crescente movimento in Repubblica Ceca che vuole modificare le vaccinazioni obbligatorie. Sempre più genitori, scienziati e medici sono preoccupati dell’imposizione vaccinale “a taglia unica” (calendari vaccinali uguali per tutti i bambini, indistintamente).”

L’Osteopata Christof Plothe, dice che in alcune parti della Germania la copertura vaccinale per il morbillo è minore di quella raccomandata dall’OMS ma i focolai di malattia sono rari. Dall’altro lato abbiamo nazioni come la Cina con quasi il 100% di copertura vaccinale per il morbillo dove ci sono regolarmente grandi focolai di morbillo. Infatti il bambino di Berlino che recentemente è tragicamente morto a causa del morbillo aveva ricevuto  il vaccino MMR dieci giorni prima della comparsa dell’infezione dovuta molto probabilmente al virus vivo del morbillo contenuto nel vaccino o al fatto che fosse un non-responder. Il Virus vaccinale è stato spesso detto essere la causa di epidemie di morbillo e anche di gravi complicazioni, un’altra cosa di cui si dovrebbe discutere.

Helen Kimball-Brooke, omeopata inglese e co-segretaria di EFVV  conclude: “Malattie autoimmuni, malattie croniche e ASD stanno incrementando. Hanno superato le malattie infettive e non ci sono evidenze conclusive che le vaccinazioni non abbiano un ruolo in tutto ciò. Basta guardare gli Stati Uniti per esempio. Hanno il più alto numero di vaccini e di copertura vaccinale ma anche il più alto tasso di mortalità infantile di tutti i paesi industrializzati. C’e bisogno che anche la popolazione pro-vaccini sia attiva in questo dibattito, dato che con l’aumentare dei paesi che applicano l’obbligatorietà vaccinale c’è da chiedersi quale sarà il prossimo prodotto farmaceutico ad essere reso obbligatorio”.

L’EFVV chiede ai cittadini Europei di firmare la petizione per la Libertà di Consenso Informato alle Vaccinazioni, in modo che questo argomento venga discusso a Bruxelles. Si è chiamati anche a firmare per istituire una unità indipendente di vaccino – vigilanza in cui vengano riportati gli Eventi Avversi Vaccinali (VAEs) e il numero e la gravità dei VAEs in Europa sarebbero facilmente accessibili a tutti.

http://www.euro.who.int/en/health-topics/disease-prevention/vaccines-and-immunization/european-immunization-week

http://www.epicentro.iss.it/temi/vaccinazioni/settimana2015.asp

http://www.efvv.eu/  Anna Watson 07760 277165

FIRMATE !!!  https://www.change.org/p/european-parliament-european-commission-council-of-the-european-union-respect-promote-and-protect-freedom-of-informed-vaccination-consent-throughout-europe