PERCHÉ IO NON VACCINO PER NULLA I MIEI CANI

PERCHE’ IO NON VACCINO PER NULLA I MIEI CANI

by Catherine O’Driscoll (traduzione di Alessia Zurlini)

http://www.dogsnaturallymagazine.com/why-i-dont-vaccinate-my-dogs-at-all/

Dog-Pictures

I nostri cani sono nel bel mezzo di un’epidemia. Non è un’epidemia di malattie virali, ma di problemi di salute cronici. Essi son tormentati da pelle con prurito, carica di pus, crostosa; vomito e diarrea sono la norma. Un cane su cento soffre di epilessia e un numero ancora più elevato convive con un’artrite dolorosa. Le allergie stanno anche raggiungendo proporzioni epidemiche: i cani stanno diventando allergici alla vita.

Secondo il dottor Jean W Dodds, un eminente veterinario e ricercatore, le malattie allergiche ed autoimmuni sono cresciute dall’introduzione dei vaccini a virus vivo modificato. Le malattie autoimmuni sono quelle in cui il corpo attacca sé stesso e includono cancri, leucemie, malattie della tiroide, morbo di Addisons, malattia di Grave, anemia emolitica autoimmune, artrite reumatoide, diabete, lupus, trombocitopenia, insufficienza d’organo, infiammazioni della pelle ed altre.

Inoltre sembra esserci un enorme numero di cani con problemi comportamentali, in gran parte a causa di sovra-vaccinazione e alimenti industriali. I vaccini sono noti per causare infiammazione del cervello, così come lesioni in tutto il cervello e nel sistema nervoso centrale. Il termine medico per questo è ‘encefalite’, e il ruolo del vaccino è riconosciuto nel manuale Merck. Merck è un produttore di  vaccini.

Anni fa, ero la tipica proprietaria ‘responsabile’ di un cane. I miei quattro Golden Retrievers sono stati vaccinati ogni anno, e sono stati nutriti con un alimento per animali domestici  ‘completo ed equilibrato’, consigliato dal mio veterinario. Il tappeto rosso è stato metaforicamente srotolato una volta ogni due settimane, ogni volta che portavo a visita un cane affetto da malattia cronica. Alla fine i problemi sono diventati più seri: i miei cani hanno iniziato a morire anni prima del  loro tempo.

Nel corso degli anni, ho raccolto documenti di ricerca per aiutarmi a prendere decisioni sull’allevamento dei miei cani e per condividere ciò che ho imparato con altri amanti dei cani. Speravo anche che i veterinari prendessero atto della ricerca e fermassero l’eccesso di vaccinazione. Tutti gli interventi espongono ad un rischio – anche l’umile aspirina può essere mortale. Quindi bisogna fare un’analisi del rapporto rischi/benefici ogni volta che si utilizzano farmaci. Quali, allora, sono i rischi dei vaccini?

La ricerca di Frick e Brookes ci dimostra che i vaccini possono innescare atopia (allergie cutanee). (Am J Vet RIS. 1983 Mar;44(3):440-5). La Dr.ssa Jean W Dodds ci dice che malattie retrovirali e parvovirali e vaccini MLV (n.d.t virus vivi modificati), sono associati con linfoma, leucemia, insufficienza d’organo, malattie della tiroide, malattia adrenale, malattia pancreatica e disordini del midollo osseo.

I vaccini causano cancro nei gatti nel sito di iniezione e, secondo il giornale di medicina veterinaria, agosto 2003, i vaccini causano cancro nei cani nei siti di iniezione. I vaccini causano l’anemia emolitica autoimmune (JVM, Vol 10, n. 5, settembre / ottobre 1996; Manuale veterinario di Merck), e artrite (BVJ, maggio 1995 e sto Coll Vet Intern Med, 2000; 14:381). L’epilessia è un sintomo di encefalite, che, come già sappiamo, può essere causata da vaccini.

Secondo il dottor Larry Glickman e il suo team presso l’Università di Purdue, siero e proteine estranee nei vaccini possono causare autoimmunità (cancro, leucemia, insufficienza d’organo, ecc.). Questa ricerca indica anche che sono possibili danni genetici, poiché i cani vaccinati hanno sviluppato autoanticorpi che attaccano il proprio DNA. Una Ricerca all’Università di Ginevra fa eco a questa constatazione.

Nel corso degli anni, molti veterinari, specialmente in America, vanno dicendo che pensano che i vaccini causino una vasta gamma di problemi negli animali. Ad esempio  Christine Chambreau DVM ha detto che ‘le vaccinazioni di routine sono probabilmente la peggior cosa che facciamo per i nostri animali. Causano tutti i tipi di malattie, ma non direttamente nel luogo in cui potremmo  correlarle con sicurezza al vaccino’ E lei non è la è sola in questa visione.

Quindi immaginate il mio dilemma dieci anni fa, quando Edward e Daniel entrarono nella mia casa. Avendo già visto i miei cani vaccinati soffrire di malattie croniche e morire di cancro e leucemia – sapendo che i vaccini possono causare queste malattie – cosa avrei dovuto fare?

Ho concluso che avrei rischiato malattie virali con i miei cani, piuttosto che vederli soffrire dell’epidemia di malattie croniche e mortali che attanaglia la popolazione canina. Mi rendo conto che alcuni mi considerino irresponsabile. Ma da che cosa effettivamente stiamo scappando quando andiamo a vaccinare? OK, quindi il cimurro è così raro che molti veterinari non lo vedono da  almeno dieci anni. Inoltre, secondo i ricercatori di punta, e come dichiarato anche dall’Associazione Medica Veterinaria Americana, una volta immuni alla malattia virale, i cani sono immuni per anni o per tutta la vita. Allora perché veterinari e produttori di vaccini cercano ancora di farci vaccinare contro una malattia virale, ogni anno, o ogni tre anni – soprattutto se si considera il rischio?

Secondo i dati di Intervet, i cani svilupperanno immunità permanente all’epatite sopra l’età di 12 settimane. Quindi perché continuare a vaccinare contro questa malattia? La tosse dei canili è trattata facilmente nella maggior parte dei casi, e il vaccino non è molto efficace. Quindi qual è il punto? La leptospirosi è rara (il mio veterinario mi dice che non ne ha vista in dieci anni), e il vaccino è associato con alcune delle peggiori reazioni avverse. Ma allora non è forse il vaccino ad essere un rischio inaccettabile ? E il parvovirus è – secondo il Concise Oxford Dictionary veterinaria – raramente un problema per il cane adulto sano normale.

La prossima domanda, naturalmente, è come si fa ad avere  un normale cane adulto sano? Ah! -situazione paradossale. A mio parere, si ottiene un cane adulto sano non vaccinandolo per niente! I vaccini destabilizzano il sistema immunitario, il che porta a ogni sorta di malattia cronica. Da tutto ciò che ho visto e letto, i vaccini non portano il cane ad essere in buona salute. Hanno il potenziale per rendere i vostri cani con prurito, crostosi, vomitanti, con diarrea, malaticci, ombre sub-normali di ciò che loro stessi erano – pronti e in attesa che arrivino gli assassini più cattivi come il cancro. I vaccini rappresentano la ricetta perfetta per l’epidemia di malattie croniche che ho descritto.

Questo vuol dire che ho lasciato Edward e Daniel scoperti e non protetti contro una malattia virale? No. Quando erano cuccioli gli è stato dato un nosode omeopatico, un’alternativa più sicura del vaccino. Inoltre sono stati alimentati naturalmente per tutta la loro vita, fornendo nutrienti vitali per stimolare il loro sistema immunitario, e vengono mantenuti in forma  (altra cosa che rinforza il sistema immunitario). Hanno mai sofferto di dermatiti ricorrenti, allergie, disturbi digestivi, infezioni dell’orecchio e dell’occhio o qualsiasi altra malattia cronica? No. Sono morti di cancro all’età di cinque anni, o di leucemia all’età di sei, o paralisi all’età di quattro – come è successo ai miei cani vaccinati? No. Infatti, sono probabilmente molto ben equipaggiati e sani abbastanza per sopportare le malattie per le quali potrei altrimenti averli vaccinati.

Probabilmente è sufficiente? Bene – è la cosa migliore che si possa fare. Perché nemmeno  i vaccini possono garantire l’immunità.

Sto scegliendo l’opzione più ad alto rischio ? Non credo. Mi sembra che la buona salute sia un diritto naturale dato da Dio. È solo l’uomo che la scompiglia. L’ordine naturale è più saggio di uno qualsiasi di noi, e quelli di noi che non vaccinano i propri  cani stanno dimostrando che la legge naturale è nel giusto.