Milano, Giudice: ” Autismo causato da vaccino, vitalizio a bambino”

IL MINISTERO DELLA SALUTE DOVRÀ VERSARE UN ASSEGNO BIMESTRALE PER TUTTA LA VITA A UN BAMBINO AUTISTICO AL QUALE NEL 2006 FU INIETTATO IL VACCINO ESAVALENTE PRODOTTO DALLA GLAXOSMITHKLINE. LO HA DECISO IL TRIBUNALE DEL LAVORO DI MILANO, RICONOSCENDO QUINDI IL NESSO CAUSALE TRA LA VACCINAZIONE E LA MALATTIA.  Come racconta il quotidiano "La Repubblica", la sentenza arriva dopo che la famiglia del bambino, che oggi ha 9 anni, aveva presentato nel 2011 una domanda di indennizzo al ministero che allora venne respinta. Contro la sentenza, emessa il 23 settembre, il ministero non ha presentato ricorso entro i termini, scaduti
Leggi tutto

AUTISMO E VACCINAZIONI: UNA NUOVA SENTENZA FAVOREVOLE

ATTENDIBILE PROBABILITÀ CAUSALE  Con sentenza del Tribunale del Lavoro di Pesaro nella causa di previdenza iscritta al n.624/2011 lavoro e Previdenza promossa da una famiglia marchigiana rappresentata e difesi dall’avv. Luca Ventaloro, CONTRO il MINISTERO della SALUTE, nella persona del dott. Vincenzo Pio Baldi quale giudice del lavoro, visti gli articoli 442 e 429 c.p.c., preso atto delle conclusioni rassegnato dalle parti al termine della discussione orale, ha pronunziato mediante lettura del dispositivo e della contestuale motivazione SENTENZAl’accoglimento della domanda della famiglia di un minore affetto da Autismo di ottenere l’indennizzo di cui agli artt. 1 e 2 della L. 210/92, condannando il Ministero, riconoscendo il diritto
Leggi tutto

SENTENZA DEL TRIBUNALE DEL LAVORO DI RIMINI STABILISCE IL NESSO FRA VACCINO MPR E AUTISMO

IMPORTANTE PASSO AVANTI NER RICONOSCIMENTO DEL DANNO DA VACCINO Il Tribunale di Rimini, Sezione Lavoro, con la Sentenza n. 148/2012 del 15.3.2012, ha riconosciuto in capo al minore B.V. il nesso di causalità tra la vaccinazione ed l’autismo, ed i benefici di indennizzo di cui alla Legge n. 210/1992. Sono state accolte tutte le richieste difensive. Alleghiamo la sentenza, molto interessante per le motivazioni ivi contenute. Stiamo ottenendo in tutta Italia sempre più successi giudiziari, segno di una rinnovata consapevolezza medico-legale e giuridica. Tutto in favore di soggetti “deboli”, che a causa di una prassi sanitaria pericolosa e praticata in
Leggi tutto