Gentile utente, a causa di operazioni di manutenzione sul sito abbiamo temporaneamente sospeso le funzionalità di iscrizione e rinnovo, ci scusiamo per il disagio.

arrow-down
La pagina Facebook Comilva è stata rimossa

La pagina Facebook Comilva è stata rimossa

06 January 2021

Carissimi,

Senza alcun preavviso la nostra pagina Facebook è stata rimossa, così come quelle di altre associazioni amiche che si battono per un’informazione libera e per una scelta consapevole.

A quanto pare, i nostri articoli di approfondimento veicolati su questo social, in particolare quelli sul vaccino Covid-19, violano le regole della community. Più precisamente “non rispettano gli standard in materia di disinformazione che potrebbe causare violenza fisica”.

Per chi come noi cerca di fare informazione in modo meticoloso, rispettoso della verità, utilizzando fonti di informazione certificate e riscontri precisi resta un mistero il significato di queste espressioni. Normalmente per confutare uno scritto ci si impegna a farlo con argomenti validi, non con la censura o impedendo il dibattito. Ma oggi questo non è più possibile evidentemente: al tempo del pensiero unico non c’è spazio per queste cose e gli standard della democrazia non sono stabiliti dalle Costituzioni bensì dai protocolli di società private con interessi di parte.

Non c’è bisogno di andare oltre: è ormai palese che la libertà di pensiero e di parola non è più gradita nel nostro Paese così come in molti altri. Questo è un bene che va riconquistato con un impegno molto importante da parte di tutte le persone che ancora credono nei valori della democrazia e della libertà.

In queste ore i soliti noti stanno gongolando di questo atto molto grave: a costoro ricordiamo che chi ha bruciato i libri in piazza e ha goduto di quel gesto è stato punito dalla storia. Chi non ha memoria del passato non ha futuro.

Fermo restando il fatto che Comilva tutelerà i propri diritti in sede giudiziaria, continueremo la nostra attività di informazione sul nostro sito ufficiale www.comilva.org, attraverso la newsletter e sui canali Telegram regionali, approntando nuovi canali di informazione nei prossimi giorni.
Seguiteci e rimanete in contatto con noi: noi ci siamo!

CC

IN EVIDENZA