arrow-down
cuore appeso

NUOVE PROVE AUTOPTICHE DAL GIAPPONE: la miocardite – per quanto lieve – può provocare aritmie fatali

28 February 2024

tratto da: https://www.hartgroup.org/autopsies-japan-arrhythmia/

Danni da vaccino al sistema elettrico del cuore non rilevabili con le metodiche di una autopsia standard

 

Un nuovo articolo pubblicato da alcuni patologi della città di Kanazawa [1], in Giappone, riporta i risultati di un'autopsia in un uomo sano di 40 anni, giapponese, che ha improvvisamente manifestato tachicardia e ha perso conoscenza due giorni dopo la vaccinazione.

La rianimazione continua aveva ripristinato il battito cardiaco spontaneo; tuttavia, il paziente non ha ripreso conoscenza ed è morto nove giorni dopo.

L'elettrocardiografia dopo la rianimazione mostrava un marcata depressione del segmento ST e un blocco di branca destra incompleto. I test dell’antigene dell’influenza e della reazione a catena della polimerasi per SARS-CoV-2 sono risultati negativi.

I risultati principali dell’autopsia furono i seguenti:

  • sono stati riscontrati diversi piccoli focolai infiammatori con necrosi cardiomiocitaria nei ventricoli destro e sinistro, con una propensione per il lato destro;
  • alcuni focolai infiammatori erano localizzati vicino ai nodi atrioventricolari e ai fasci di His. Le cellule infiltranti erano costituite prevalentemente da istiociti CD68 positivi, con un piccolo numero di cellule T CD8 positive e CD4 positive;
  • in questo caso, la miocardite era focale e lieve, come si osserva principalmente dopo la vaccinazione mRNA COVID-19. Tuttavia, i focolai infiammatori erano vicini al sistema di conduzione e venivano considerati la causa di aritmie fatali.

L’aspetto più preoccupante è proprio che la miocardite stessa era “focale e lieve”, ma ciò ha provocato un’aritmia fatale, perché sono state colpite le cellule del sistema elettrico.

Una seconda fonte di preoccupazione al riguardo è che, poiché ciò è avvenuto dopo la seconda dose, sembra probabile che la miocardite si sia manifestata anni prima, ma che nel frattempo fosse rimasta silente.

La possibilità che l'infiammazione che colpisce solo il sistema conduttivo possa provocare un'aritmia fatale è una preoccupazione che è stata manifestata anche in altri precedenti lavori in relazione alle vaccinazioni mRNA CVID-19 [2].

È da notare che quest'uomo si è presentato improvvisamente con un'aritmia (tachicardia ventricolare) che alla fine si è rivelata fatale; NON è stato riportato un precedente dolore toracico caratteristico della miocardite. Ciò è coerente con la preoccupazione che la miocardite subclinica [3], si traduca effettivamente in un aumento del rischio di aritmie fatali, che potrebbero essere responsabili in gran parte dell’aumento delle emergenze per arresti cardiaci.

La miocardite subclinica – definita come un aumento della troponina indicativo di un danno cardiaco – è stata riscontrata in almeno 1 persona su 50 fra quelle alle quali è stato somministrato il vaccino mRNA COVID-19 [4].

È infine opportuno precisare che i piccoli focolai di infiammazione a carico del sistema conduttivo ritenuti responsabili della morte di quest’uomo sono stati rinvenuti solo eseguendo l’esame istologico cardiaco.

Questo NON è qualcosa che viene fatto di routine durante le autopsie, anche perché aggiunge spese extra e posticipa anche la diagnosi – qualcosa che ai patologi non piace fare per il bene dei parenti.

È quindi perfettamente possibile che un'infiammazione simile a quella riscontrata in questo caso non sia stata rilevata nelle autopsie effettuate su molte persone morte improvvisamente.

Inoltre, secondo il co-presidente di Hart, la patologa Dr Clare Craig, la dissezione cardiaca al livello di dettaglio richiesto per accertare quanto vicine queste piccole aree di infiammazione potrebbero essere al sistema conduttivo è un'abilità in cui tutti i patologi sono addestrati, ma che la maggior parte dei patologi raramente praticano.

 

CC

IN EVIDENZA