Gentile utente, a causa di operazioni di manutenzione sul sito abbiamo temporaneamente sospeso le funzionalità di iscrizione e rinnovo, ci scusiamo per il disagio.

arrow-down
race

Vaccini per Covid-19: facciamo il punto

22 December 2020

Il dott. Bellavite ha pubblicato recentemente alcuni articoli interessanti 1 2, affermando in sostanza che:

Il processo di pubblicizzazione delle sperimentazioni cliniche e la simultanea commercializzazione dei vaccini covid-19 solleva grandi preoccupazioni circa i modi con cui sono valutati i numerosi vaccini candidati. Eppure, le aziende chiedono ai governi di effettuare ordini in una fase iniziale, prima che siano noti i risultati delle prove di efficacia e sicurezza.

Il dott. Bellavite propone una riflessione che prende spunto da un articolo apparso sul blog del British Medical Journal 3, dove alcuni medici (Jose M Martin-Moreno, University of Valencia, Spagna | John Middleton, Wolverhampton University | Mohamud Sheek-Hussein, UAE University | Manfred S Green, University of Haifa) hanno fatto un excursus sullo stato dell’arte dello sviluppo dei vaccini Covid-19. Le loro conclusion sono oltremodo condivisibili:

I dati per i diversi vaccini sono potenzialmente promettenti, ma NESSUNO degli studi di fase III è stato pubblicato su riviste peer review o analizzato per gruppo di età, sesso e descrizione del caso (asintomatico, lieve, grave), trasmissibilità del virus dopo l'immunizzazione o durata della protezione.

I risultati delle sperimentazioni cliniche, sia provvisorie che finali, devono essere soggetti a una valutazione appropriata e quindi pubblicati su riviste scientifiche sottoposte a revisione paritaria.

I dati e le conclusioni non debbano essere diffusi dai media come fossero credibili, prima che la comunità scientifica possa giudicare la validità di tali affermazioni valutando un resoconto completo di ciò che è stato fatto.

Le pubblicazioni dovrebbero essere fatte senza ulteriori indugi e con la massima priorità per garantire rigore e tempestività nel loro processo di revisione tra pari. La pubblicazione scientifica dovrebbe includere almeno quanto segue:

  • disegno dettagliato dello studio,

  • metodo di reclutamento dei partecipanti,

  • dimensione del campione in totale e per braccio di studio,

  • caratteristiche principali della popolazione in studio tra cui età, sesso, etnia, stato di salute e altre variabili chiave,

  • caratteristiche dettagliate del vaccino,

  • requisiti di archiviazione,

  • dose,

  • via di somministrazione e programma,

  • durata della prova,

  • tempo di accumulo dei dati totale,

  • perdita al follow-up, come specificato nei protocolli standard per le sperimentazioni,

I risultati devono essere presentati in modo sistematico, con analisi statistiche precise e specificazione dell'efficacia complessiva e dell'efficacia del sottogruppo (con intervalli di confidenza) e analisi degli effetti avversi per gruppo di età e sesso. Inoltre, gli autori devono presentare quanto segue:

  • stima di quanto tempo dopo l'immunizzazione è necessario per essere protetti,

  • la durata stimata della protezione nel tempo,

  • se la vaccinazione impedirà o meno la trasmissione,

  • in che misura le violazioni della catena del freddo influiscono sull'efficacia del vaccino,

  • se potranno esserci malattie atipiche nei soggetti vaccinati,

Accanto a questo molte altre domande restano senza risposta, sia per quanto riguarda l’EFFICACIA che la SICUREZZA di questi vaccini. In termini di efficacia:

  1. I vaccini saranno efficaci contro tutti i ceppi esistenti di SARS-CoV-2,

  2. Quando compaiono nuovi mutanti, i vaccini saranno efficaci contro i nuovi ceppi,

  3. I vaccini saranno efficaci in tutte le fasce d'età,

  4. I vaccini saranno efficaci in tutti i gruppi etnici nel mondo,

  5. Stabilità dei vaccini,

  6. Quanto durerà l'immunità,

  7. Anche se i vaccini conferiscono immunità, quanto presto saranno efficaci,

  8. Quale percentuale della popolazione deve essere immune prima che il progresso della Pandemia deceleri,

  9. Quanto saranno efficaci i vaccini nelle persone immunosoppresse, immunocompromesse, diabetiche, geriatriche e nelle persone con tumori maligni,

  10. Attualmente i bambini piccoli non sono inclusi nelle prove. Se non devono essere vaccinati, che dire della loro protezione contro SARS-CoV-2,

  11. Se i bambini sono esclusi dal Programma di vaccinazione, possono agire come agenti di diffusione del virus.

In termini di sicurezza:

  1. Gli effetti avversi ritardati, come l'encefalite subacuta pan-sclerosante (SSPE), compaiono da uno a ventisette anni dopo la vaccinazione, il ciclo di studi attuali è relativamente breve per prevedere il verificarsi di effetti avversi a sviluppo così tardivo;

  2. Cosa succede se una donna ha già concepito ed è incinta ma è troppo presto per saperlo e riceve il vaccino;

  3. Quanto sono sicuri i vaccini nei soggetti ad alto rischio come le persone molto anziane, diabetici, persone con tumori maligni, persone immunodepresse immunocompromesse;

  4. Qual è il profilo di sicurezza dei vaccini nei bambini e se devono essere esclusi dalla vaccinazione, allora che dire della loro protezione contro SARS-CoV-2.

Gli stessi medici firmatari dell’articolo citato [4] avevano esposto le loro tesi anche in una precedente pubblicazione (30 novembre) intitolata “Vaccini per covid-19: motivi di speranza, ma prima di preoccupazione”. In questo testo gli autori toccano alcuni tempi cruciali che riguardano il processo di sviluppo di questi vaccini.

Tutte le speranze sono state riposte nello sviluppo di un vaccino. Questo processo sta avvenendo molto rapidamente: ci sono 167 vaccini candidati, 30 dei quali sono in fase di valutazione clinica.

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha esercitato una certa leadership e ha lanciato l'Acceleratore degli strumenti di accesso a COVID 19 (ACT) nell'aprile 2020. Il pilastro dei vaccini degli sforzi di ACT è mirato a garantire vaccini promettenti, sicuri ed efficaci, appropriati per la produzione regolamentata. Questo è lodevole, ma non è sufficiente.

Piuttosto che optare per la collaborazione internazionale, che avrebbe sfruttato meglio l'energia scientifica collettiva, è stata organizzata una corsa commerciale internazionale per vedere chi sviluppa per primo un vaccino. Ma le fasi fondamentali del processo di sviluppo del vaccino non devono essere ignorate o sottovalutate.

Il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno ordinato dosi sufficienti di vaccino per circa 5 volte la loro popolazione, l'UE circa 3 volte la popolazione; tutto ciò limitando l'accesso alla vaccinazione per i più bisognosi a livello globale. Questo preordine di massa corre anche un rischio per gli acquirenti: investire tutto il tuo budget in un vaccino che si potrebbe rivelare pericoloso o inefficace comprometterebbe la possibilità di rifornirsi successivamente di prodotti sicuri ed efficaci. Questa eventualità è stata recentemente messa in rilievo dalle preoccupazioni per la sicurezza del vaccino Astra-Zeneca.

Stiamo affrontando non solo interessi commerciali, ma anche nazionalismi ravvivati dalla politica della crisi. Il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di garantire prove sostanziali in cui i benefici superano i rischi. Al momento, la situazione in cui vengono sviluppati i vaccini è poco chiara dal punto di vista medico, sociale e morale e abbiamo bisogno di una via etica.

Ricerca e sviluppo

Servono informazioni affidabili sulla sicurezza e l'efficacia. L'OMS, o un'entità delegata senza interessi commerciali o politici dovrebbe monitorare e riferire sullo sviluppo dei vaccini per garantire che non vi siano scorciatoie inappropriate.

Dato che i vaccini possono contenere conservanti, adiuvanti o additivi (per prevenire la contaminazione, migliorare le risposte immunitarie antigene-specifiche e stabilizzare virus vivi attenuati), la composizione dettagliata di ogni vaccino Covid-19 dovrebbe essere trasparente per garantire la migliore corrispondenza dei candidati per ogni vaccino.

Supponendo che ci saranno diversi vaccini approvati tra cui scegliere, dovrebbero essere sviluppati protocolli approfonditi che dettagliano la sicurezza, gli effetti collaterali, l'efficacia e la composizione per adattare chi riceverà cosa (per fascia di età e vulnerabilità).

Accesso e sorveglianza

Per garantire un accesso equo ai vaccini una volta che sono disponibili, abbiamo bisogno di coordinamento e strategie a livello internazionale. Un punto focale istituzionale per il programma di immunizzazione covid-19 deve essere quello di consentire una corretta strategia di comunicazione e consegna.

Sarà fondamentale garantire la sicurezza fisica dei vaccini e dei lavoratori che li custodiscono e li somministrano. Prima di avviare programmi di immunizzazione, devono essere preparati operativamente gli studi sulla siero-prevalenza e sulla sorveglianza della sicurezza. Dobbiamo garantire l'efficacia dei programmi di vaccinazione.

Comunicazione affidabile

La valutazione dei vaccini covid-19 dovrebbe essere oggettiva, rigorosa, trasparente, equa e adeguatamente comunicata. Questo è essenziale se vogliamo comprendere la composizione, la sicurezza e l'efficacia dei vaccini in termini di risposta immunitaria, durata e potenziali effetti collaterali.

Nello specifico, con riferimento al vaccino Pfizer e Moderna, il dott. Bellavite prende in esame un altro commento pubblicato nel blog della stessa rivista, a cura di Peter Doshi 4 (Associated Editor del British Medical Journal) che esamina i risultati “annunciati” da Pfizer e Moderna. Riprendiamo qui alcuni passaggi di questa pubblicazione uscita il 26 novembre scorso.

Tutti gli occhi sono puntati su Pfizer e Moderna.

I risultati di efficacia dei loro studi sperimentali sul vaccino covid-19 sono sbalorditivi a prima vista. Pfizer afferma di aver registrato 170 casi di covid-19 (su 44.000 volontari), con una notevole divisione: 162 nel gruppo placebo contro 8 nel gruppo vaccino.

Nel frattempo, Moderna afferma che 95 dei 30.000 volontari nel suo studio in corso hanno preso il covid-19: 90 con placebo contro 5 che hanno ricevuto il vaccino, portando entrambe le società a rivendicare un'efficacia di circa il 95%.

Mettiamo tali dichiarazioni nella giusta prospettiva.

  • Viene segnalata una riduzione del rischio RELATIVO (cioè la differenza tra vaccinati e non vaccinati), non una riduzione del rischio ASSOLUTO (cioè la riduzione del rischio di ammalarsi veramente tra i vaccinati);

  • In secondo luogo, questi risultati si riferiscono all'endpoint (obiettivo) primario degli studi di covid-19 di qualsiasi gravità e, soprattutto, NON ALLA CAPACITA’ DEL VACCINO DI SALVARE VITE UMANE, né alla capacità di prevenire l'infezione, né all'efficacia in sottogruppi importanti (ad es. Anziani fragili). Quelle rimangono ancora sconosciute;

  • Questi risultati riflettono un lasso di tempo relativamente breve dopo la vaccinazione e NON SAPPIAMO NULLA DELLE PRESTAZIONI del vaccino a 3, 6 o 12 mesi, quindi non possiamo confrontare questi numeri di efficacia con altri vaccini come i vaccini antinfluenzali (che vengono giudicati su una intera stagione invernale);

  • I bambini, gli adolescenti e gli individui immunocompromessi sono stati in gran parte esclusi dagli studi, quindi non ci sono ancora dati su queste importanti popolazioni.

Un modo in cui i dati grezzi dello studio potrebbero facilitare un giudizio sull'eventualità che un potenziale smascheramento possa aver influenzato i risultati è l'analisi della frequenza con cui le persone con sintomi di covid-19 sono state inviate a test di conferma SARS-CoV-2.

Senza un rinvio per il test, un caso sospetto di covid-19 non potrebbe diventare un caso di covid-19 confermato, e quindi è un passaggio cruciale per essere conteggiato come evento primario: covid-19 sintomatico e confermato in laboratorio. Poiché alcune delle reazioni avverse al vaccino sono anch'esse sintomi di covid-19 (ad es. febbre, dolore muscolare), ci si potrebbe aspettare che una percentuale molto maggiore di persone che ricevono il vaccino sia stata sottoposta a tampone e testata per SARS-CoV-2 rispetto a quelle che hanno ricevuto placebo.

Ciò presuppone che TUTTE le persone con sintomi vengano testate, come ci si potrebbe aspettare da uno studio ben fatto. Tuttavia, i protocolli per gli studi di Moderna e Pfizer contengono una istruzione esplicita che invita i ricercatori a usare il loro “giudizio clinico” per decidere se indirizzare le persone per i test,

  • ma quando la malattia e gli effetti collaterali del vaccino si sovrappongono, come può un medico giudicare la causa senza un test?

  • e comunque PERCHÉ è stato chiesto di fare così anziché indirizzare le persone sistematicamente a fare il test?

È poi importante sottolineare che per Pfizer le istruzioni si riferiscono SOLO AI PRIMI SETTE GIORNI successivi alla vaccinazione, lasciando poco chiaro quale ruolo possa svolgere il giudizio del medico nei giorni chiave successivi, quando i casi di covid-19 potrebbero iniziare a contare per raggiungere l’obiettivo primario.

Ma se le istruzioni per fare i test NON FOSSERO STATE FORNITE A TUTTI GLI INDIVIDUI con sintomi di covid-19, ad esempio perché si presumeva che i sintomi fossero dovuti agli effetti collaterali del vaccino, i casi di Covid tra i vaccinati potrebbero non essere contati.

Anche i dati sui FARMACI CHE RIDUCONO IL DOLORE E LA FEBBRE meritano di essere esaminati. I sintomi derivanti da un'infezione da SARS-CoV-2 (ancora, ad es. febbre o dolori muscolari) possono essere soppressi con farmaci che riducono il dolore e la febbre.

Se le persone nel gruppo dei vaccinati hanno assunto tali medicinali a scopo profilattico, più spesso o per un periodo di tempo più lungo rispetto a quelli nel braccio del placebo, ciò potrebbe aver portato a una maggiore soppressione dei sintomi di Covid-19 a seguito dell'infezione da SARS-CoV-2 nel gruppo dei vaccinati, che si traduce in una ridotta probabilità di essere sospettati di covid-19, ridotta probabilità di test e quindi ridotta probabilità di essere considerati casi di covid-19.

Ma in uno scenario del genere, l'effetto di riduzione apparente dei casi è stato determinato dai farmaci, non dal vaccino. Né Moderna né Pfizer hanno rilasciato alcun testo di materiale scritto fornito ai pazienti, quindi NON È CHIARO QUALI EVENTUALI ISTRUZIONI SIANO STATE FORNITE AI PAZIENTI RIGUARDO ALL'USO DI MEDICINALI per il trattamento degli effetti collaterali dopo la vaccinazione.

A questo punto sono più che condivisibili anche le conclusioni del dott. Bellavite:

Peter Doshi tratta solo di alcuni problemi senza toccare quello ancora maggiore che riguarda i metodi di valutazione delle reazioni avverse "post-marketing", che sono totalmente deficitari e dei quali non ho sentito alcun accenno da parte delle autorità sanitarie;

Questo vaccino è totalmente sperimentale e la sua somministrazione alla popolazione sarà un ESPERIMENTO vero e proprio, per cui è richiesto il CONSENSO INFORMATO;

Se la vaccinazione di massa partisse a seguito di oscure manovre autorizzative di urgenza, prima che siano sciolti i dubbi, si tratterebbe di un crimine contro le persone e contro la scienza medica.

In un successivo commento apparso su “La Nuova Bussola Quotidiana” 5, il dott. Bellavite espone ulteriori considerazioni a fronte dell’esame di ulteriori dati forniti da Pfizer.

  • Considerando i casi gravi di Covid-19, essi sono stati 1 su 21.314 vaccinati e 9 su 21.259 trattati con la soluzione salina, con un’efficacia del 88.9 %. La differenza di incidenza è di 8 casi su circa 21.000 vaccinazioni. Pertanto, se in termini relativi i vaccinati hanno avuto un rischio 9 volte inferiore ai non vaccinati, in termini assoluti questi ultimi hanno avuto 1 probabilità su 2.362 (21.259/9) di ammalarsi in forma grave. Se vogliamo vedere le cose da un’altra prospettiva, si può dire che per evitare un caso di Covid-19 grave hanno dovuto vaccinare più di 2.000 persone.

  • Sulle reazioni avverse. Le reazioni avverse sistemiche, cioè in tutto il corpo, si sono presentate in più del 50% dei vaccinati (soprattutto stanchezza, mal di testa e dolori muscolari) nella prima settimana e in più del 25 % nei tempi successivi. Le differenze rispetto alla soluzione salina erano molto nette. Leggiamo che “La reattogenicità sistemica era più comune e grave dopo la seconda dose che dopo la prima dose, sebbene la reattogenicità locale fosse simile dopo le due dosi”. Questo significa che il vaccino ha stimolato molto il sistema immunitario già dopo la prima dose e che il rischio di un eccesso di risposta alla seconda dose non è indifferente. Nell’articolo sta scritto che affaticamento e mal di testa hanno interessato più del 50% dei soggetti dopo la seconda dose di vaccino, e che un affaticamento grave (“severe” in inglese) è stato osservato in circa il 4% dei riceventi BNT162b2, reazione che è superiore a quella osservata nei destinatari dei vaccini influenzali potenziati per gli anziani. Su 20.000 vaccinati, il 4% va a formare un gruppo di 800 persone che hanno sperimentato uno stato di affaticamento generale grave dopo il vaccino. Qualche domanda vale la pena porsela.

  • Per quanto riguarda i morti tra i volontari sperimentatori, si legge che “Due destinatari di BNT162b2 sono morti (uno per arteriosclerosi, uno per arresto cardiaco), così come quattro destinatari del placebo (due per cause sconosciute, uno per ictus emorragico e uno per infarto miocardico). Nessun decesso è stato considerato dagli investigatori correlato al vaccino o al placebo”. Questo dato è importante e merita qualche commento. Per quanto riguarda i decessi nel gruppo del placebo, si riferisce che 2 su 4 morti sarebbero stati per cause “sconosciute”. Ciò lascia perplessi, perché si tratta di una scarsa precisione in una di importanza mondiale. Un ictus emorragico e un infarto miocardico si potrebbero effettivamente verificare in un gruppo di persone così ampio. I due morti dopo il vaccino sollevano qualche ulteriore perplessità, non per il numero quanto piuttosto per la diagnosi (“arteriosclerosi” e “arresto cardiaco”) e per il fatto che non viene spiegato in alcun modo come abbiano escluso la correlazione col vaccino. Va precisato che di solito per escludere una responsabilità del vaccino ci sono tanti criteri tra cui la plausibilità biologica, l’intervallo temporale e le conoscenze accumulate in precedenza su cosa i vaccini possono fare o non fare su grandi gruppi di persone. Ma se un vaccino è nuovo, come si fa a escludere in partenza che un evento avverso possa essere correlato?

  • Le malattie infiammatorie croniche sono malattie complesse per definizione. Pertanto, non sarebbe corretto, in linea di principio, escludere una causalità del vaccino attribuendo la causalità a un’altra malattia presente nel soggetto, la quale potrebbe essere stata una causa predisponente o aggravante l’evento finale. Questo tema è più importante di quanto si possa immaginare, perché nei prossimi mesi si presenterà il problema del “nesso di causalità”, vale a dire se attribuire degli eventi avversi comparsi dopo la vaccinazione al trattamento stesso o ad altre condizioni già presenti nel soggetto.

  • Infine, la cosa che come scienziato ritengo più grave. Nella discussione, gli autori scrivono letteralmente: “Sebbene lo studio sia stato progettato per seguire i partecipanti per la sicurezza e l'efficacia per 2 anni dopo la seconda dose, data l'elevata efficacia del vaccino, le barriere etiche e pratiche impediscono di seguire i destinatari del placebo per 2 anni senza offrire l'immunizzazione attiva”. In pratica, ciò significa che terminano la parte più importante e preziosa della ricerca anzitempo. Sembra un discorso logico perché invocano l’etica, ma non lo è affatto. Infatti, la ricerca ha come obbiettivi non solo per l’efficacia, ma anche gli effetti avversi del vaccino. Interrompendo ora lo studio progettato, non avremo risposta al quesito cui si voleva rispondere: se il vaccino fa più bene che male.

 

1 https://www.facebook.com/122178805085863/posts/747070542596683/

2 https://www.facebook.com/122178805085863/posts/746813075955763/

3 https://blogs.bmj.com/bmj/2020/11/27/covid-19-vaccines-where-are-the-data/

4 https://blogs.bmj.com/bmj/2020/11/26/peter-doshi-pfizer-and-modernas-95-effective-vaccines-lets-be-cautious-and-first-see-the-full-data/

5 https://www.lanuovabq.it/it/vaccino-efficacia-discutibile-a-scapito-della-sicurezza?fbclid=IwAR0Nia5DkfindH4NyE_QtbzAL-ykKfTtmN97m9Ay0KiViXO65_sP91VCu1g

CC

IN EVIDENZA