PERCHE’ FACCIO LO SCIOPERO DELLA FAME

di Giorgio Gustavo Rosso

 

Ieri ho saputo del decreto legge sui vaccini obbligatori per neonati e bambini, approvato dal Governo Gentiloni il 19 maggio 2017. Più la notizia mi entrava dentro e più per me risultava inaccettabile. 
L’imposizione con la forza dei vaccini mette in discussione tutti i miei valori etici e ideali, e mette in gioco anche la mia stessa esistenza come essere umano libero e indipendente.
 

Do grande valore al libero arbitrio di noi esseri umani, nel costruire la nostra vita presente e futura , e farò tutto ciò che posso per impedire che questo diritto fondamentale ci venga sottratto con la violenza e con l’inganno.

Questa iniziativa del governo italiano attuale mi ricorda molto le leggi razziali del fascismo, per la difesa della razza italiana dagli ebrei.

L’industria chimica farmaceutica e i nostri vertici politici e sanitari, attraverso radio e tv, giornali e riviste, stanno realizzando in Italia, da circa due anni una campagna di propaganda razziale contro i bambini non vaccinati, che io preferisco chiamare i “bambini bio”, discriminati rispetto ai bambini vaccinati.
In tanti stiamo subendo questa guerra totale, violenta e senza scrupoli, rivolta dall’industria farmaceutica chimica contro chi non vuole introdurre veleni chimici e biotecnologici nei più piccoli e nel proprio corpo,contro chi non vuole essere intossicato e avvelenato. Non vogliamo diventare farmaco dipendenti per tutta la vita per far arricchire qualcuno.

Questa non è la Repubblica Italiana, non è la Costituzione italiana, ed è nostro dovere ribellarci contro tutto ciò!

“Fra l’inizio di agosto e la fine di ottobre 1938 in Italia venne emanata una serie di provvedimenti, che prevedevano il divieto di iscrizione dei ragazzi ebrei a qualsiasi tipo di scuola.”

80 anni dopo, il 19 maggio 2017, il Governo italiano ha emanato un decreto legge che prevede il divieto di iscrizione dei bambini bio (non vaccinati) a qualsiasi tipo di scuola.

Oggi ho sentito tante persone angosciate e convinte di essere senza scampo. Persone vicine mi hanno confessato di cominciare a valutare se lasciare l’Italia. qualora il decreto dovesse essere approvato e quindi trasformato in legge.

“Tra il 1922 e il 1927 tanti italiani lasciarono l’Italia. Agli oppositori del fascismo non rimaneva che il carcere, il confino o l’espatrio clandestino. Si è parlato di 300.000 emigrati politici. La Francia, l’Austria, e la Svizzera erano le mete preferite dei profughi.”

Ho iniziato lo sciopero della fame venerdì 19 maggio alle 22. Sarò in piazza del Popolo a Cesena domenica 21 dalle 11 alle 13 e dalle 18 alle 21 insieme a chi verrà e a tanti altri in Italia e non solo, per superare questa gravissima emergenza, che richiede la massima determinazione e solidarietà da parte di tutti noi.

Ti aspetto insieme a tutti coloro che potrai portare: dobbiamo essere capaci di sviluppare insieme la massima solidarietà verso le famiglie delle vittime dei vaccini, verso i medici e i pediatri perseguitati dagli Ordini dei Medici, per costruire un mondo senza la tirannia delle industrie chimiche farmaceutiche

NON TRADIRE TUO FIGLIO O TUO NIPOTE PERCHÈ QUALCUNO TI MENTE PER PROFITTO, E TI TERRORIZZA
7 vaccini in un solo colpo a due mesi di vita sono l’attacco chimico più violento, ingiustificato, innaturale e senza controlli, che si possa imporre a un neonato. 

È SCIENTIFICAMENTE SICURO CHE 7 VACCINI IN UN COLPO SOLO A DUE MESI PRODURRANNO MALATTIE E DANNI GRAVI

VUOI DAVVERO FAR AMMALARE TUO FIGLIO IN FORME ANCHE MOLTO GRAVI, PROFONDE E DISABILITANTI PERCHÈ HAI PAURA CHE FORSE SI POSSA AMMALARE DI VARICELLA, ROSOLIA E ORECCHIONI?

Lasciar vaccinare oggi un neonato sano di due mesi senza informarsi con cura e senza prendere tutte le precauzioni necessarie è forse in assoluto l’azione più pericolosa che si possa fare: non tradire tuo figlio o tuo nipote perché qualcuno ci vuole impaurire e imporre 12 vaccini per malattie innocue, rare o scomparse, non infantili, non contagiose.

Sii cosciente che l’industria chimica farmaceutica e i suoi alleati fanno la guerra ai genitori. Prova a confrontare gli scopi e gli interessi dell’industria chimica farmaceutica con l’amore materno e paterno verso i propri figli, ai quali vogliono offrire le migliori opportunità in ogni ambito della vita.

NON TRADIRE TUO FIGLIO O TUO NIPOTE: SONO IN GIOCO LA SUA SALUTE E LA SUA VITA

Giorgio Gustavo Rosso